E-commerce: perché i consumatori acquistano online

Riportiamo qui di seguito l’articolo pubblicato dal TGCOM24 il 4 aprile che cita l’indagine condotta da Confesercenti SWG  su l’e-commerce da cui emerge che per il 55% del campione – l’analisi ha coinvolto 400 imprenditori commerciali – è una opportunità di crescita per tutti mentre per il 30% farà scomparire i negozi.

Di recente diverse ricerche hanno certificano la crescita dell’e-commerce, in Italia. L’ultima indagine del PwC – Total Retail 2017 – offre qualche dato in più. Secondo il PwC, il 20% dei consumatori italiani acquista tramite smartphone almeno una volta la settimana (in crescita rispetto al 14% del 2015), il 19% acquista via tablet (dal 12% del 2015) e il 32% acquista tramite PC (dal 24%).

L’aspetto economico è il motivo principale che convince i consumatori ad acquistare i prodotti on-line: il prezzo è stato indicato con il fattore decisivo dal 49% del campione – quote più alte si registrano solo in Cile e Brasile, osserva la ricerca –, seguito dalla comodità dello shopping (30%) mentre l’assortimento è indicato solo dal 18% degli intervistati. A preferire l’e-commerce sono i più giovani, in particolare: il 35% ha ammesso di recarsi sempre meno nei negozio tradizionali.

Il gap con i principali paesi europei rimane elevato: un’analisi del Centro Studi Impresa Lavoro, elaborata sulla base dei dati Eurostat, evidenzia che nel 2016 il 29% degli italiani ha effettuato acquisti in rete. Una percentuale più alta solo a quella registrata in Bulgaria e Romania.

L’e-commerce non offre vantaggi soltanto ai consumatori – secondo un’indagine dell’Osservatorio nazionale Federconsumatori, i prodotti venduti on-line costano meno rispetto a quelli venduti in un negozio tradizionale –, ma anche ai commercianti. Potenzialmente una piattaforma on-line permette di raggiungere una clientela molto vasta. Non tutti la pensano così, in realtà. Una recente indagine di Confesercenti Nazionale-SWG rivela che il 55% del campione – l’analisi ha coinvolto 400 imprenditori commerciali – considera l’e-commerce un’opportunità, anche se una quota comunque consistente lo vede come una minaccia per la distribuzione tradizionale (31%).

I negozi on-line crescono ad un ritmo più veloce rispetto a quelli tradizionali: confrontando il segmento delle vendite on-line con l’intero mondo del commercio, una ricerca elaborata da InfoCamere per Unioncamere rivela che il numero delle imprese, che vendono on-line i propri prodotti o servizi, è aumentato di 8.994 unità tra il 2009 e il 2015 (+151,6% nell’arco di sei anni) mentre, contemporaneamente, il settore del commercio al dettaglio – poco più di 870mila aziende – ha “guadagnato” solo 7.170 imprese (+0,83%).

Questo sito fa uso di cookie per facilitare la tua navigazione. Chiudendo questo avviso o continuando la navigazione sul portale acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi